venerdì 15 giugno 2012

il rossetto rosso.



Prendo l'astuccio del rossetto e lo stappo. Lo osservo è  il colore che hai scelto tu , rosso,  vivo, intenso, ho già disegnato il contorno labbra con la matita alterandone il profilo naturale per renderle più carnose e invitanti, ed ora con particolare cura riempio lo spazio con quella macchia di colore  rosso. 

Il rossetto scivola sulle mie labbra lucidandole e scurendole, penetrando nelle pieghe e uniformandone l'aspetto. Cerco di  assumere un'espressione composta sotto la graziosa mascherina che porto sugli occhi, ricorda una farfalla multicolore, guardo lo  specchio e mi vedo sbattere le ciglia come una puttanella che ammicca ed è una sensazione assolutamente adrenalinica per me, e quel che è peggio è che ne sono perversamente eccitata. Oggi  ho optato per  la  guepiere nera perché mi piace vedere le calze tenute su dai gancetti reggicalze e guardarmi riflessa  allo specchio con la fichetta libera e liscia  in mezzo a tutti quei laccetti,  sentirmi vestita e truccata  in quel modo mi eccita . Sento la fica bagnarsi sempre di più, intanto lui mi lega i polsi sopra la testa, il che contribuisce a farmi eccitare ancora di più   ma è proprio per quella sensazione,  il sentirmi legata immobilizzata, perché ora so che può  fare di me ciò che vuole, continua a legarmi con le sue corde, ora mi  lega le caviglie alle gambe della sedia, mi guardo, ho le gambe spalancate, lo voglio vedere mentre gioca col mio sesso, ho bisogno di guardarlo, ho bisogno di catturare l’immagine del piacere che mi sta provocando, adesso desidero solo le sue labbra bagnate sulle mie.
Il suo dito nella mia bocca, il suo dito tra le mie cosce , mi  carezza piano, niente peli, solo il sesso umido, esposto, ora mi tocca, mi  tocca ovunque prima solo con una carezza, poi molto di più, intanto mi  accarezza la testa, e mi  penetra con un dito,
Mi  tocca e mi guarda
Mi  tocca  
Mi  tocca e mi  lecca
Ora è sopra di me , mi guarda negli occhi  e mi penetra.
Ora viene.